I pinkgreen, we pinkgreen

ECOLOGIA, EVENTI, RECENSIONI, STILI DI VITA | 3 commenti

Ovvero declinare il verde al femminile, perché quando si dice pink si pensa all’universo rosa e quando si dice verde al mondo della natura, dell’ecologia e della sostenibilità. Siamo a Fà la cosa giusta, un camp dal titolo “pink is the the new green”, un gruppo di eco-blogger al femminile.

Alla fiera non ci sono panchine, ma la piazzetta wi-fi ha delle comode sedie ecologiche di vari colori naturali e atossici. Io scelgo quella arancio che si abbina alla mia giacca e faccio accomodare ognuna di loro su una sedia di un diverso colore che utilizzo per descriverle. Dato che ognuna di loro ha avuto 5 minuti a disposizione, anche io non eccederò.

Letizia è sulla sedia rossa, è stato un piacere conoscerla di persona. Giornalista e comunicatrice ambientale, ha aggiunto al suo blog pagine sull’eco-matrimonio, la cucina e gli eventi sostenibili legati alla città di Roma. Elisa è sulla sedia gialla, la seguo soprattutto come amante della natura, ma fa grandi cose anche come mamma. Sono felice di averla conosciuta e della speranza che mi ha dato per un prossimo anno. Lavorerò perché sia possibile.

Di Raffaella, sulla sedia bianca, mi colpisce l’eleganza del nero, l’essere passata da single a mamma e quel suo modo, molto simile al mio, di essere sostenibile, ma di godersi anche la vita, e se ancora sul reparto moda dobbiamo fare passi avanti, andrà bene lo stesso 🙂 vuol dire che ci faremo aiutare da Francesca con la sua bio-fashion.

Mi sono fermata a parlare con Elena, che è sulla sedia arancio e ha portato un filmato bellissimo da mostrare. Se ognuno di noi facesse alcuni di quei piccoli gesti quotidiani di sostenibilità, il mondo sarebbe migliore e più green. Poi c’è lei, sulla sedia viola, che ha vissuto per una anno a impatto 1 e ha delle foto da “arrabbiata” che le invidio molto, una vera temeraria dell’impronta ecologica. Accanto ci trovo Neva, sulla sedia gialla, che crea meraviglie vegane. Poi c’è Kia, seduta vicino a me, sulla sedia viola e col carrellino della spesa con dentro il bidone del compostaggio,  che coltiva orti e giardini sul balcone, pratica che condivido.

E per finire Claudia e il cambiamento, Lara e le eco-mestruazioni, Tatiana che deve correre ai laboratori di produzione cosmetici e saponi, Stefania e i suoi mobili, Marta e lo slow style.

E poi ci sono io che ascolto, osservo, imparo, allerto ogni senso e prendo nota di possibili spunti, idee, suggestioni. Mi impegno a portarne avanti almeno qualcuna e a lavorare per migliorare me stessa, il mio blog e il mondo  in generale. Sempre in modo soft, sempre essendo anch’io consapevole, come loro, che prima di tutto viene la vita 🙂 E’ stato un vero piacere, ragazze! Restiamo in contatto e .. 🙂 al prossimo camp!

Sabrina Lorenzoni

Sabrina Lorenzoni

Biologa ambientale

Blogger e green content writer, mi occupo di comunicazione digitale e divulgazione scientifica nei settori ambiente e biosostenibilità.

3 Commenti

  1. Elena Veglienzone

    Ma che bello! Grazie Sabrina! E’ stato un piacere conoscerti e ora anche leggerti 😉

    • Sabrina

      Grazie Raffaella, grazie Elena per aver letto il mio post e per averlo gradito. L’eco-blogger-camp è stata per me una bella esperienza: ho conosciuto persone simpatiche ed entusiaste del loro lavoro. Ogni blog è diverso, ogni persona racconta a modo proprio. Secondo me il bello dei blog è che non sono “in competizione”, ma semmai sono diversi punti di vista, tutti interessanti. Spero di leggervi ancora tra queste pagine e che ci siano altre occasioni di confronto.

Trackback/Pingback

  1. Fa’ la cosa giusta! Decima edizione | curiosa di natura - [...] I pinkgreen, we pinkgreen [...]
  2. Buona Pasqua, tra appunti e assaggi | curiosa di natura - […] questa fiera ho dedicato tanti post: per la decima edizione, per l’incontro we pink green e molti altri ancora. Quest’anno il mio…

ALTRI POST DA QUESTA CATEGORIA

Ecologia del pensiero, conversazioni con una mente inquinata

Ecologia del pensiero, conversazioni con una mente inquinata

Il libro di Anna Lisa Tota, Ecologia del pensiero, conversazioni con una mente inquinata, ci ricorda che il paesaggio naturale e quello mentale sono collegati. Ecco perché dobbiamo pensare bene per vivere meglio. L’era dell'Homo videns e il pensiero lento Il titolo...