Coltivando giardini

ECOLOGIA, NATURA BIO, STILI DI VITA

Ogni mattina mi piacerebbe portare un fiore su ogni scrivania, in ogni ufficio, in ogni studio professionale, su ogni tavolo o banco di lavoro. Mi piacerebbe arrivare lì, all’improvviso, salutare gentilmente con un sorriso sulle labbra. Posare sul tavolo un piccolo contenitore di terracotta con la terra e una piantina verde e fiorita. O anche appoggiare un piccolo vaso di vetro con acqua e un fiore raccolto per strada.

Ogni giorno coltivare giardini esterni, veri, reali fatti di terra e cocciniglie e giardini interni, altrettanto veri e reali, ma fatti di sentimenti, emozioni e di parole in sè astratte da rendere concrete nel quotidiano.

Coltivare giardini reali.  Mettersi lì con le mani nella terra, la paletta, l’innaffiatoio e il grenbiule. Innaffiare, togliere le foglie gialle e i rami secchi. Osservare i colori, i puntini e le ticchettature. Annusare e respirare, sfiorare le foglie e i petali con i polpastrelli delle dita. Ascoltare il silenzio delle piante e dei fiori o le loro dolci parole.

Coltivare giardini interni. “Il giardino è un collegamento concreto con la vita e con la morte. Esiste una religione del giardino, poichè insegna profonde lezioni psicologiche e spirituali. Tutto ciò che può accadere a un giardino può accadere nell’anima e nella psiche – troppa acqua, troppo poca, cimici, caldo, tempesta, inondazione, invasione, miracoli, morte, rinascita, grazia, guarigione. Nel giardino ci esercitiamo a lasciar vivere e morire pensieri, idee, preferenze, desideri, amori. Piantiamo, strappiamo, seppelliamo. Dissecchiamo i semi, li seminiamo, li sosteniamo…” (Pinkola Estès)

Primavera, tempo di giardni. Di sole e aria frizzante. Di vento che scuote i rami, scompiglia i capelli e gli animi. Di luce che inonda le foglie di clorofilla e porta buonumore. Di acqua che scorre nei vasi e toglie la sete.

Tutto è pronto ad accogliere la primavera nei giardini, di ogni interno, di ogni esterno, di ogni vita.

Sabrina Lorenzoni

Sabrina Lorenzoni

Biologa ambientale

Blogger e green content writer, mi occupo di comunicazione digitale e divulgazione scientifica nei settori ambiente e biosostenibilità.

0 commenti

Trackback/Pingback

  1. Giardino o orto da scrivania | curiosa di natura - […] segue il blog da più tempo, ricorderà questo post nel quale parlavo del mio desiderio di portare un fiore…

ALTRI POST DA QUESTA CATEGORIA

Lessico naturale, quali parole usare per la natura

Lessico naturale, quali parole usare per la natura

"Lessico naturale: energia, biodiversità e clima" è il tema di un evento che si è tenuto lo scorso mese di novembre presso Fondazione Feltrinelli a Milano. Seguendo online, mi sono soffermata a riflettere su come la nostra visione del mondo naturale cambia assieme al...