Rio+20: Acqua, cibo, energia

CIBO, ECOLOGIA, EVENTI, STILI DI VITA | 0 commenti

Parte oggi l’appuntamento con Rio+20, conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile a Rio de Janeiro in Brasile. Nel 1992 si svolse nello stesso luogo il Vertice della Terra, da qui deriva il nome Rio+20. Nel recente passato abbiamo assistito a diverse conferenze e incontri internazionali per dettare delle linee guida per tutti i Paesi nel rispetto dell’ambiente, nella salvaguardia della biodiversità, dello sviluppo sostenibile e dell’etica delle diverse popolazioni.

Anche Rio+20 si propone gli stessi obiettivi e speriamo non restino sulla carta, come spesso è accaduto in passato. Leggendo alcuni articoli ho voluto riassumere i temi di quest’anno con alcuni dati significativi, non per fare allarmismo, ma per dare ad ognuno uno spunto di riflessione.

Acqua, cibo ed energia saranno i punti cardine attorno ai quali si discuterà quest’anno. Ma a che punto siamo?

Acqua

  • Circa 900 milioni di persone non hanno accesso all’acqua potabile
  • Il 12% della popolazione mondiale consuma l’85% dell’acqua disponibile
  • Occorrono 2.000 litri d’acqua per produrre il cibo che consumiamo
  • La domanda globale di acqua dolce crescerà del 55%
  • L’industria manifatturiera consumerà il 400% di acqua in più di quella che consuma ora, +140% per produrre energia elettrica termica e +130% per uso domestico

Cibo

  • Nel 2050 la popolazione prevista sarà di circa 9 miliardi di individui
  • Per sfamare questa popolazione occorrerà un incremento della produzione agricola del 70%
  • Nel 2050, 2 persone su 3 vivranno in aree urbane, con un conseguente aumento dell’impronta ecologica di ogni individuo
  • Si prevede un aumento del consumo di carne
  • Oggi circa la metà della produzione agricola mondiale viene utilizzata come fonte alimentare per gli animali
  • Il cibo è anche una delle principali cause del riscaldamento globale (il 18% per la sola zootecnia)
  • Per ottenere 1 kg di carne di manzo attraverso l’allevamento intensivo sono necessari circa 15 kg  di cereali e 15.000 litri d’acqua
  • Ogni anno nel mondo si perdono circa 1 miliardo e 300 milioni di tonnellate di cibo

Energia

  • Nel 2011 il Green Economy Report ha proposto di investire il 2% del prodotto globale lordo annuo, da oggi fino al 2050, per trasformare in “verdi” dieci settori chiave dell’economia, tra i quali agricoltura, energia, pesca, industria, turismo…
  • Occorre cercare di indirizzare l’economia verso un basso uso del carbonio e un uso efficiente delle risorse
  • Utilizzare al meglio le risorse rinnovabili, come il vento e il sole

Fonte dati www.wwf.it/RIO

Sabrina Lorenzoni

Sabrina Lorenzoni

Biologa ambientale

Blogger e green content writer, mi occupo di comunicazione digitale e divulgazione scientifica nei settori ambiente e biosostenibilità.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI POST DA QUESTA CATEGORIA

Lessico naturale, quali parole usare per la natura

Lessico naturale, quali parole usare per la natura

"Lessico naturale: energia, biodiversità e clima" è il tema di un evento che si è tenuto lo scorso mese di novembre presso Fondazione Feltrinelli a Milano. Seguendo online, mi sono soffermata a riflettere su come la nostra visione del mondo naturale cambia assieme al...

Natura e biodiversità a COP28

Natura e biodiversità a COP28

Quanto si è parlato di natura e biodiversità a COP28? Cambiamenti climatici e perdita di biodiversità sono strettamente legati e correlati. Vediamo in breve come la natura è entrata a far parte dei negoziati di COP28. I limiti planetari alla COP28 di Dubai L'anno...