Niente botti, solo lanterne

ANIMALI, EVENTI, NATURA BIO | 4 commenti

Il 2015 ci sta salutando, siamo agli ultimi giorni dell’anno. Per Capodanno, molte città hanno già aderito alla campagna “No ai botti!”. Alcuni Comuni, privati e associazioni, hanno promosso belle iniziative con lanterne volanti.

Anche quest’anno il 31 dicembre è vicino. Quando si avvicina la mezzanotte molti festeggiano con i fuochi d’artificio. I fuochi d’artificio sono pericolosi, soprattutto in città, dove gli spazi sono ristretti, i balconi vicini, le automobili parcheggiate sotto casa. Il rischio di fare male a sé stessi e ad altre persone è molto alto, così come è alta la probabilità di danneggiare automobili, balconi, strutture pubbliche e private. I botti di capodanno sono una vera emergenza.

Gli animali non sopportano i botti. Non li amano gli animali selvatici, nemmeno i nostri cani e gatti. Anzi, sono molto impauriti e spaventati da questi improvvisi rumori, che non comprendono.
Diverse associazioni animaliste, da anni, invitano i cittadini e soprattutto i Comuni a vietare i botti di fine anno. Ogni anno, per fortuna, il numero delle istituzioni e dei privati che aderiscono a questa iniziativa aumenta. Anche quest’anno Lega Nazionale per la Difesa del Cane e molte altre associazioni, insieme, hanno diffuso su internet e sui social network campagne di sensibilizzazione verso il problema dei botti di Capodanno.

Rispettiamo, dunque, noi stessi e gli animali e rinunciamo a questa pratica. A me i fuochi d’artificio piacciono molto, ma solo quelli fatti d’estate, al sud, al porto, durante le sagre di paese. Si passeggia lungo il mare, si ammirano le bancarelle, si gustano i prodotti tipici della zona e poi, gli addetti, allestiscono bellissimi spettacoli pirotecnici sul mare. Così non ci sono pericoli per le persone, né per gli animali e tutto si svolge in modo più tranquillo e sicuro.

Per l’ultimo dell’anno compro solamente una scatola di stelline. Sono innocue, per uomini e animali, basta fare attenzione e tenerle a una certa distanza. Mi piace fare festa e avere qualcosa di scintillante che porti fortuna. Così accendo qualche stellina, la tengo distante da me e dagli altri, e la faccio roteare in giochi di luce.

Quest’anno ho letto di belle iniziative con le lanterne volanti. Molti Comuni, spesso vicino al mare, stanno organizzando il lancio delle lanterne volanti al posto dei fuochi d’artificio. Un’idea molto bella, coreografica, di buon auspicio, che non danneggia gli uomini e non spaventa gli animali. Spero che molti Comuni adottino questa pratica di festeggiamento.

Purtroppo il clima non è dalla nostra parte e gli amici di Emergenza24 mi fanno notare che, se non piove, anche le lanterne cinesi potrebbero essere pericolose, come potete leggere in questo post: quindi, fate attenzione a dove e come le utilizzate, mi raccomando.

lanterne_volanti

Buona fine 2015 e buon inizio 2016. Tantissimi auguri di buon anno a tutti voi 🙂

Cerco anch’io una lanterna volante da lanciare in cielo per Capodanno (se l’influenza che mi ha colpito in questi giorni me lo permetterà). Mi sembra una bella idea far volare questo cerchio di carta luminosa, sperando che mi porti un nuovo anno in salute, pieno di serenità e di lavoro.

Auguro a tutti voi la stessa cosa: un 2016 pieno di salute, serenità e lavoro. Buona fine e buon inizio a tutti voi, care amiche e amici del blog, tantissimi auguri! 🙂

Sabrina Lorenzoni

Sabrina Lorenzoni

Biologa ambientale

Blogger e green content writer, mi occupo di comunicazione digitale e divulgazione scientifica nei settori ambiente e biosostenibilità.

4 Commenti

  1. Mirella

    io ho preso le stelline, ma delle lanterne mi ero dimenticata… e dire che l’anno scorso la nostra amica Silvia ne aveva portata una a forma di cuore che abbiamo fatto decollare! Sono ancora in tempo però e quasi quasi mi procuro un’altra lanterna… sempre meglio del decerebrato che ogni anno spara non so cosa (con tanto di pistola!) sotto casa nostra…

    Rispondi
    • Sabrina

      Ciao Enrico, tantissimi auguri anche a te e grazie per la costanza nel seguire il blog. Ricambio l’abbraccio

      Rispondi
  2. evergreen

    Noi siamo un paesino rispetto a dove vivi tu. Siamo meno di tremila anime. Noi spariamo i fuochi d’artificio in campagna, e si vedono dappertutto, da tutti gli angoli del paese.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI POST DA QUESTA CATEGORIA

Wildlife Photographer of The Year 2023

Wildlife Photographer of The Year 2023

Wildlife Photographer of The Year è la mostra delle 100 fotografie naturalistiche vincitrici del concorso fotografico più prestigioso al mondo. Un'occasione per ammirare la bellezza della natura e per riflettere sui nostri comportamenti. Cos'è Wildlife Photographer of...

Biodiversità, il primo 3Bee Biodiversity Summit

Biodiversità, il primo 3Bee Biodiversity Summit

Il 19 aprile 2023 ho partecipato a Milano al primo Biodviersity Summit organizzato da 3Bee. 3Bee è una startup agri-tech che crea sistemi intelligenti per monitorare e diagnosticare la biodiversità sul territorio. Durante questa giornata di incontro e confronto,...