Natura e Fuorisalone si incontrano

ECOLOGIA, EVENTI, RECENSIONI | 1 commento

Ventura Lambrate Fuorisalone 2014

Ventura Lambrate Fuorisalone 2014

La scorsa settimana è stata quella del Salone Internazionale del Mobile di Milano e del Fuorisalone. Al Fuorisalone c’è molto da vedere: è sempre più grande, ora si snoda per vari quartieri della città, da Tortona a Brera, al quadrilatero della moda, fino a Lambrate. Qui potete vedere un’ampia gallery fotografica 🙂
Da qualche anno mi piace molto girare nella zona del Ventura Lambrate. Sono vecchi capannoni, officine e magazzini riadattati per ospitare gruppi di artisti. Questa idea già mi convince in partenza e poi qui ci trovo sempre un po’ di scienze e natura ed è per questo che ho fatto un giro anche quest’anno.

La natura e il Fuorisalone possono incontrarsi? Certamente sì e ho trovato qualche curiosità: cinque artisti e le loro creazioni che dimostrano come la natura influenza sempre il nostro sentire.

 

Gli uccelli e Uni feeder + nest box. Questo prodotto è fatto in Slovenia. Ecologico, dal design innovativo, vuole educare alla cura degli uccelli in tutte le stagioni. Unibird-house si trasforma in un nido accogliente per la primavera e l’estate e in una mangiatoia in autunno ed inverno. Idea molto carina che permette di utilizzare i due elementi in legno di cui si compone la scatola e sistemarli a seconda della stagione e dell’utilizzo che se ne vuole fare.

PrickleS e la vita sottomarina. Nathalie è un’artista che si ispira alla vita sottomarina: ricci di mare, anemoni e tunicati. Ne osserva la bellezza e la fragilità e la riproduce nelle sue sculture in porcellana. Con queste sue creazioni aiuta a diffondere il messaggio della meraviglia dell’ambiente e dell’impatto che su di esso hanno le attività umane. Sono lampade e vasi bellissimi, fragili e delicati, che riproducono con armonia gli animali che vivono nel mare.

Il design che si basa sull’attività del cervello. Esiste il design perfetto? Non si sa, però è possibile creare un design basato sull’attività del nostro cervello. Merel Bekking ha lavorato ad Amsterdam presso lo Spinoza Centre for NeuroImaging. Studiando i risultati ottenuti da 20 pazienti sottoposti a MRI ( Magnetic Resonance Imaging, ovvero Imaging a risonanza magnetica) gli scienziati hanno scoperto quali forme e colori attraggono maggiormente il cervello umano e Merel e il suo gruppo hanno utilizzato questi risultati per le loro creazioni per la casa. Da questo studio scientifico si è evidenziato che il cervello preferisce la plastica tra i vari materiali, il rosso tra i colori e tra le forme, quelle organiche (piuttosto che forme quadrate, circolari o angolari).

Le cellule nello specchio. Uno specchio bellissimo, Double Mirror, un doppio specchio che cambia l’immagine riflessa durante la giornata. Non solo: si possono chiaramente vedere le cellule, con tanto di nucleo e membrana. Gli autori, Iris e Ruben, sono affascinati dalle immagini al microscopio che definiscono: “‘A miniature world which is not perceptible with your own eyes”. Una cosa mai vista prima, davvero ci si vorrebbe specchiare ogni minuto.

Mici – curiosity meet the cat. E poi, i gatti incontrano di sicuro la curiosità di curiosa di natura! Guardate che bella questa idea di creare dei porta-biciclette a forma di gatto. Sono fatti in acciaio e coperti con una speciale pellicola che li preserva dagli agenti atmosferici. Davvero simpatici per i cortili di casa o del condominio, ma molto interessanti anche per la città.

Cinque novità hanno colpito particolarmente la mia curiosità, idee che collegano il mondo del Fuorisalone, del design e della moda alla scienza e alla natura. Perché la natura ci circonda e chiaramente ci suscita pensieri, idee e emozioni.
E se queste emozioni incontrano il favore di un artista, possiamo anche trovarle tramutate in oggetti di design spettacolari come questi 🙂

Sabrina Lorenzoni

Sabrina Lorenzoni

Biologa ambientale

Blogger e green content writer, mi occupo di comunicazione digitale e divulgazione scientifica nei settori ambiente e biosostenibilità.

1 commento

  1. Mirella

    Belle le porcellane della vita sottomarina e spettacolari i gatti per le bici! Mi piacciono!

ALTRI POST DA QUESTA CATEGORIA

Ecologia del pensiero, conversazioni con una mente inquinata

Ecologia del pensiero, conversazioni con una mente inquinata

Il libro di Anna Lisa Tota, Ecologia del pensiero, conversazioni con una mente inquinata, ci ricorda che il paesaggio naturale e quello mentale sono collegati. Ecco perché dobbiamo pensare bene per vivere meglio. L’era dell'Homo videns e il pensiero lento Il titolo...