Roxy Paine: funghi e papaveri

ECOLOGIA, NATURA BIO, RECENSIONI | 2 commenti

Dopo aver parlato di Meg Webster, ecco come l’artista Roxy Paine ha affrontato il tema “Natura naturans”, mostra aperta fino a febbraio 2016 a Varese, presso la villa del FAI, Villa Panza.

La scorsa settimana vi ho raccontato di Meg Webster in un post e di come utilizza elementi della natura nelle proprie opere d’arte. Sono sicura che ora siete curiosi di sapere come lavora, invece, Roxy Paine.
Un approccio completamente differente è quello dell’americano Roxy Paine che condivide con lei questa bellissima mostra, Natura naturans,  nelle sale di Villa Panza a Varese.

Natura naturans

Locandina della mostra “Natura naturans” – Villa Panza – Varese

Due idee di natura opposte. Roxy Paine ha deciso di utilizzare materiali sintetici: resine sintetiche, lacche e polimeri per riprodurre fedelmente la natura. Per fare questo, occorre comunque conoscerla e osservarla.

L’artista ama il contrasto e sa che ogni giorno siamo alle prese con una scelta tra due opposti: il bene e il male, la vita e la morte, il bianco e il nero e mille altre ancora. L’uomo è pieno di dualismi. Se da un lato cerca delle connessioni e dei collegamenti, dall’altro vuole le separazioni e l’originalità. Tutto questo rientra nell’opera di Roxy Paine. Paine è anche convinto che l’entropia (cioè il disordine di un sistema e dell’Universo stesso) sia in contrasto con la tendenza dell’uomo a fare ordine.

La prima opera che si incontra è Bad Planet, una grande sfera marrone con la superficie irregolare, piena di gorghi e crateri: con quest’opera, Roxy vuole rappresentare un Pianeta che si sta formando, la Terra alla sua origine.

Ma la passione di Roxy Paine è la micologia, lo studio dei funghi, questi esseri non ben definiti del mondo vegetale. Troviamo funghi in tre delle sue opere.

Dry Rot, funghi che crescono sulla parete verticale, funghi di varie forme e dimensioni. I funghi appassionano l’artista che li ama perché rappresentano la crescita e la propagazione, ma anche la vita che si oppone alla morte. Le pareti delle stanze ospitano spesso sue opere: per lui, le pareti non sono luoghi vuoti, ma zone fertili dove far crescere muffe e funghi.

Anche Amanita Villosa Wall è un’opera piena di funghi. Sono miceti bianchi, di varie forme e dimensioni, con diverse sfumature che sono posti sul pavimento della stanza. Sembra davvero un campo di funghi vivi, che crescono e colonizzano nuovi spazi. E sono funghi fatti con plastica termoindurente, acciaio inossidabile, lacca e olio, ma che (vi assicuro) sembrano veri.

Psilocybe Cubensis Field è una distesa di oltre duemila funghi, che si estende sul pavimento della stanza. Sono funghi allucinogeni che mostrano ancora una volta il dualismo tra funghi che fanno bene perché buoni e nutrienti e altri che fanno male e provocano allucinazioni (per non parlare dei funghi velenosi).

Roxy Paine - Psilocybe Cubensis Field, 1997 Polimero termoindurente, lacca, pittura ad olio, acciaio The Israel Museum Collection, Jerusalem

Roxy Paine – Psilocybe Cubensis Field, 1997
Polimero termoindurente, lacca, pittura ad olio, acciaio
The Israel Museum Collection, Jerusalem

Poppy Field… forever. La mia opera preferita dell’artista Roxy Paine qui a Villa Panza è Crop (Poppy Field), la replica di una zolla di terra con un campo di papaveri. L’opera è realizzata con materiali quali PVC, resine, polimeri, lacca, pittura a olio, acciaio e filo ma si resta stupefatti da come i fiori, le foglie, le spine, la terra e ogni particolare sembrino veri. Perfetti i colori, le macchie, i petali piegati, i fili d’erba sulla zolla di terra, una riproduzione fedele della natura… quasi perfetta.

Roxy Paine - Crop (Poppy Field), 1997-1998 - PVC, resina epossidica, PETG, polimeri, lacca, pittura a olio, acciaio e filo Private collection, New York

Roxy Paine – Crop (Poppy Field), 1997-1998 –
PVC, resina epossidica, PETG, polimeri, lacca, pittura a olio, acciaio e filo
Private collection, New York

Il tema di Expo, il tema del cibo è stato affrontato da Roxy Paine con un’opera che fa sicuramente riflettere. Si chiama Dinners of the Dictators. Un tavolo di legno, coperto da una teca di vetro, apparecchiato con cibi e bevande tipiche di ogni parte del mondo. Una tavola immaginaria che riunisce 12 dittatori della storia, di varie epoche e di vari luoghi, ognuno con i cibi tipici della propria terra di origine. Seduti a questa tavola, Roxy Paine si immagina di trovare il dittatore Franco, Mussolini, Mao Tse-Tung, Stalin, Hitler e anche Napoleone. I cibi sono veri, liofilizzati, e vere sono le stoviglie. Questa tavola rappresenta l’uomo al comando, l’uomo dittatore che si ritrova solo e il cibo è liofilizzato, senza vita, senza colore, né sapore.

Questo il racconto della bellissima esposizione “Natura naturans” che ho visitato qualche settimana fa. Un’esperienza che consiglio a chi vuole passare una giornata in un parco, visitando una villa coi suoi arredi e le sue architetture e, allo stesso tempo, una mostra di arte contemporanea. Arte moderna, ma non complicata, piena di spunti, di idee e riflessioni.

La villa è circondata da un parco strepitoso: l’ho girato tutto, dalla serra in fase di restauro all’orto sinergico. Dal parco c’è anche una bellissima vista sulla città di Varese, un panorama da non perdere. A fine settembre il verde si mescolava alle prime foglie gialle e rosse con un insieme di colori molto bello. Guardate poi il romanticismo di questo tunnel di alberi 🙂

tunnel_FAI

Un romantico tunnel di alberi – Villa Panza – FAI – Varese

Due modi opposti di amare e riprodurre la natura: usando elementi della natura stessa come fa Meg Webster oppure utilizzando materiale chimico, ma riproducendola nel dettaglio e nei minimi particolari come per l’artista Roxy Paine.

Due modi opposti, ma comunque belli di interessarsi di natura: e tu, quale preferisci?

Sabrina Lorenzoni

Sabrina Lorenzoni

Biologa ambientale

Blogger e green content writer, mi occupo di comunicazione digitale e divulgazione scientifica nei settori ambiente e biosostenibilità.

2 Commenti

  1. gardentourist

    Trovo davvero stimolante il confronto fra l’uso di materiali artificiali per produrre sculture verosimili (Paine) e di materiali naturali per rappresentare forme semplici, al confine con l’astrazione della geometria (Webster).

    • Sabrina

      Grazie gardentourist per il commento. Sì, anche io ho apprezzato i due modi di descrivere la natura di questi artisti.

ALTRI POST DA QUESTA CATEGORIA

Lessico naturale, quali parole usare per la natura

Lessico naturale, quali parole usare per la natura

"Lessico naturale: energia, biodiversità e clima" è il tema di un evento che si è tenuto lo scorso mese di novembre presso Fondazione Feltrinelli a Milano. Seguendo online, mi sono soffermata a riflettere su come la nostra visione del mondo naturale cambia assieme al...

Natura e biodiversità a COP28

Natura e biodiversità a COP28

Quanto si è parlato di natura e biodiversità a COP28? Cambiamenti climatici e perdita di biodiversità sono strettamente legati e correlati. Vediamo in breve come la natura è entrata a far parte dei negoziati di COP28. I limiti planetari alla COP28 di Dubai L'anno...